Notizie

Discipline: Notizie

17/11/2011

Ampliamento della perimetrazione dell’Area Marina Protetta, pubblicati il nuovo decreto ministeriale ed il regolamento di disciplina

Sette anni. È il periodo che si è dovuto attendere per la conclusione dell’iter di aggiornamento del D.M. 17 luglio 2003, di modifica del D.M. istitutivo del 17 dicembre 1997, con il quale è stato ampliato verso il Golfo di Oristano il perimetro dell’Area Marina Protetta “Penisola del Sinis - Isola di Mal di Ventre”.

Infatti, è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale Serie Generale n. 266 del 15 novembre 2011, il decreto ministeriale del 20 luglio 2011 denominato “Aggiornamento dell’Area Marina Protetta “Penisola del Sinis - Isola di Mal di Ventre”. 

La richiesta di ampliamento era stata avanzata, principalmente, con l’obiettivo di includere nuovamente un tratto di mare di particolare rilevanza naturalistica, quale habitat ideale per la presenza, tra gli altri, della Nacchera (Pinna nobilis), della Cymodocea nodosa e della Posidonia oceanica.

Quest’ultima costituisce un prezioso habitat per il rifugio della fauna ittica e di altri organismi come il riccio di mare (Paracentrotus lividus) che trova condizioni favorevoli alla propria crescita. 

L’aggiornamento del perimetro risponde inoltre ad una precisa esigenza degli operatori locali della pesca del riccio di mare, in considerazione della storica ed elevata produttività di questo particolare tratto di mare, che in questi anni è stata lungamente minata da una tipologia di prelievo non sostenibile.

Con la pubblicazione del nuovo decreto, quindi, anche in quest’area verrà applicato il modello di prelievo dei ricci di mare che ha contraddistinto in questi anni l’esercizio di questa importante attività tradizionale all’interno dell’Area Marina Protetta, che si ricorda è basato sui seguenti principi:
- modalità di pesca in apnea, 
- mantenimento di zone di non prelievo, 
- quantità di prelievo ridotte rispetto a quelle regionali.

La richiesta di aggiornamento determina anche un’altra importante novità in materia di delimitazione della zonizzazione dell’Area Marina Protetta.

Cambia, infatti, il disegno della perimetrazione della Zona A di tutela integrale del Catalano che passa da una circonferenza ad un quadrato, migliorando la percezione e la visibilità della delimitazione, a favore dell’utenza diportistica e, più in generale, della navigazione, ma anche per gli operatori della pesca professionale. 

A questo importante evento, nella giornata di ieri, ha fatto seguito un’ulteriore novità di altrettanta rilevanza, essendo stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale anche l’atteso decreto ministeriale che approva il “Regolamento recante la disciplina delle attività consentite nelle diverse zone dell'Area Marina Protetta Penisola del Sinis - Isola di Mal di Ventre” (decreto del 20 luglio 2011 Gazzetta Ufficiale Serie Generale n. 267 del 16 novembre 2011), e che entrerà in vigore a partire dal 1° dicembre 2011.

Entrambi i decreti rappresentano una tappa fondamentale per il futuro della regolamentazione dell’Area Marina Protetta.

L’articolo 6 del Regolamento di disciplina prevede, infatti, che entro centottanta giorni dall'entrata  in  vigore  del  regolamento di disciplina delle  attività  consentite,  su proposta dell'Ente Gestore, il Ministro dell'Ambiente adotta il regolamento  di  esecuzione  ed  organizzazione  dell'area marina protetta, ai sensi dell'articolo 28 della  legge  n.  979  del 1982.

Questo regolamento ha  ad oggetto  la  disciplina  di  organizzazione dell'area marina protetta, nonché la normativa  di  dettaglio  e  le eventuali  condizioni  di  esercizio   delle   attività  consentite nell'area marina protetta.
 
Si comprende bene, dunque, che questo ultimo regolamento costituirà il principale documento di riferimento per tutti gli utenti che frequentano e fruiscono l’Area Marina Protetta.

Inoltre, consentirà all’Ente Gestore di concretizzare dopo oltre dieci anni dall’istituzione il proprio potere regolamentare ed autorizzatorio, potendo definire tutti i procedimenti autorizzatori e concessori tipici delle aree protette, nonché di poter prevedere l’istituzione di eventuali corrispettivi, anche nell’ottica del futuro autofinanziamento per il miglioramento delle attività di tutela e valorizzazione di questo prezioso ambito di mare protetto prospiciente il territorio di Cabras.
Stampa la pagina Stampa la pagina    |    Stampa la pagina Invia a un amico    |    Condividi sui tuoi social network: Facebook Twitter Buzz Del.icio.us Digg Google Ok Notizie Stumbleupon Yahoo MyWeb
                                              

      
          
                               
        
        
        

@ Area Marina Protetta "Penisola del Sinis - Isola di Mal di Ventre"
Corso Italia, 108 Cabras (OR) ITALY  telefono 0783/391097  fax 0783/399493  e-mail info@areamarinasinis.it

Tutti i diritti riservati Credits: Jservice srl realizzazione Siti Web