MicroMondo - Riccio di prateria

Immergere il viso oltre la superficie del mare significa non soltanto poter incontrare i più o meno grandi abitanti del blu, ma anche un microcosmo dove tutto si misura in millimetri. Piccoli pesci, micro organismi, vermi colorati, nudibranchi o alghe, spesso invisibili a un osservatore distratto e frettoloso.

Nome scientifico: Sphaerechinus granularis
Nome comune: Riccio di parteria
Descrizione: Fra i ricci più comuni del Mediterraneo, presenta un corpo tozzo e leggermente concavo nella parte inferiore. Può raggiunge i 15 cm di diametro. Gli aculei sono corti e con l'apice arrotondato. La colorazione varia dal violaceo al rosso-violetto e gli aculei sono generalmente dello stesso colore ma con la punta bianca, o raramente solo bianchi. É ermafrodita. Si riproduce nei mesi caldi. É detritivoro anche se non disdegna vegetali freschi. La "bocca" dei ricci di mare è collocata inferiormente e vi è contenuta la struttura detta "la lanterna di Aristotele". É presente in tutto il Mediterraneo, nel Atlantico Orientale.

© Nautilus Produzioni
Stampa la pagina Stampa la pagina    |    Stampa la pagina Invia a un amico    |    Condividi sui tuoi social network: Facebook Twitter Buzz Del.icio.us Digg Google Ok Notizie Stumbleupon Yahoo MyWeb
                                              

      
          
                               
        
        
        

@ Area Marina Protetta "Penisola del Sinis - Isola di Mal di Ventre"
Corso Italia, 108 Cabras (OR) ITALY  telefono 0783/391097  fax 0783/399493  e-mail info.ampsinis@comune.cabras.or.it

Tutti i diritti riservati Credits: Jservice srl realizzazione Siti Web