Home >

La fascia costiera alta

Quello della costa rocciosa è uno scenario in continuo movimento e, come nel passato, anche le specie vegetali e animali che popolano sia la parte emersa che la parte sommersa (qualche metro sotto il livello del mare), sono piuttosto "speciali". Infatti le forme di vita oltreché rare e frugali, nelle loro forme, nei colori e dimensioni, nei loro cicli biologici e nei loro stili di vita, mostrano i segni di un'evoluzione e di una capacità di adattamento determinati da condizioni ambientali che noi uomini interpretiamo come estreme.

Grazie al dinamismo meteo-marino, le pareti delle falesie subiscono continuamente fenomeni di crollo, ribaltamento, scivolamento e smottamento. Ne sono la prova i depositi di frana o i singoli blocchi (scogli affioranti) di roccia al piede delle scogliere e sott'acqua quando queste non poggiano su piattaforme di abrasione marina.

 

Le falesie di Su Tingiosu © AMP Le falesie di Seu © AMP Cormorani sulle rocce © B. Paliaga
Stampa la pagina Stampa la pagina    |    Stampa la pagina Invia a un amico    |    Condividi sui tuoi social network: Facebook Twitter Buzz Del.icio.us Digg Google Ok Notizie Stumbleupon Yahoo MyWeb
                                              

      
          
                               
        
        
        

@ Area Marina Protetta "Penisola del Sinis - Isola di Mal di Ventre"
Corso Italia, 108 Cabras (OR) ITALY  telefono 0783/391097  fax 0783/399493  e-mail info.ampsinis@comune.cabras.or.it

Tutti i diritti riservati Credits: Jservice srl realizzazione Siti Web